giovedì 25 febbraio 2016

Nuovi termini coniati dai bimbi italiani! PETALOSO!

Oggi utilizziamo PETALOSO che significa ricco di petali!
Io vi presento la Peonia, il mio fiore "petaloso" preferito!

lunedì 15 febbraio 2016

Ciao, che fate?

Io vista l'ora vado a letto ma prima di cadere addormentata tra le braccia di Morfeo leggo un po' in tutta tranquillità!
Sogni d'oro a tutti! 

sabato 13 febbraio 2016

Recensione di La lista dei miei desideri di Lori Nelson Spielman edito da Sperling & Kupfer

Questa volta ho letteralmente divorato il libro in un paio di giorni!
La lettura e scorrevolissima e coinvolgente, la storia narra le vicissitudini di una giovane donna Brett ricca e fortunata, l'unico neo è sempre stato il rapporto quasi inesistente col padre, questo non sentirsi amata dal papà la renderà, per certi versi, sempre più insicura e sempre pronta a cancellare le sue necessità per anteporvi quelle del fidanzato con cui convive da tempo. Come qualsiasi fidanzata vorrebbe sentirsi al centro delle attenzioni del fidanzato ed essere considerata la sua donna/moglie ideale,  invece lui si dimostra sempre più freddo, pensa solo alla carriera di avvocato, si potrebbe pensare che stia con Brett solo per ciò che rappresenta e non per com'è come persona...
Tutto cambia quando la mamma dopo una breve malattia muore. Dopo la lettura del testamento mentre ai fratelli lascia subito dei beni in eredità a lei la mamma ha lasciato una lista dei desideri da realizzare nell'arco di un anno, prima di poter prendere possesso della sua parte di eredità! Ad ogni desiderio realizzato l'avvocato le darà una busta contenente una lettera con un messaggio di incoraggiamento... 
La madre spera in questo modo di far ricordare alla protagonista che bella persona fosse prima che le vicissitudini della vita la allontanassero sempre di più dal padre e dalla sua migliore amica. Brett era solare, simpatica, generosa e non le importava degli status simbol. Voi che dite? La mamma dall'aldilà riuscirà a far rifiorire la "vecchia" Brett?

Buona lettura!

venerdì 12 febbraio 2016

Nuevo mensaje del Papa! Ser feliz!

De verdad que el Papa es alguien fuera de lo común!

El nuevo mensaje del Papa:

SER FELIZ. !!

Papa Francisco I

"Puedes tener defectos, estar ansioso y vivir irritado algunas veces, pero no te olvides que tu vida es la mayor empresa del mundo.
Sólo tu puedes evitar que ella vaya en decadencia.
Hay muchos que te aprecian, admiran y te quieren.
Me gustaría que recordaras que ser feliz, no es tener un cielo sin tempestades, camino sin accidentes, trabajos sin cansancio, relaciones sin decepciones.
Ser feliz es encontrar fuerza en el perdón, esperanza en las batallas, seguridad en el palco del miedo, amor en los desencuentros.
Ser feliz no es sólo valorizar la sonrisa, sino también reflexionar sobre la tristeza.
No es apenas conmemorar el éxito, sino aprender lecciones en los fracasos.
No es apenas tener alegría con los aplausos, sino tener alegría en el anonimato.
Ser feliz es reconocer que vale la pena vivir la vida, a pesar de todos los desafíos, incomprensiones, y períodos de crisis.
Ser feliz no es una fatalidad del destino, sino una conquista para quien sabe viajar para adentro de su propio ser.
Ser feliz es dejar de ser víctima de los problemas y volverse actor de la propia historia.
Es atravesar desiertos fuera de si, mas ser capaz de encontrar un oasis en lo recóndito de nuestra alma.
Es agradecer a Dios cada mañana por el milagro de la vida.
Ser feliz es no tener miedo de los propios sentimientos.
Es saber hablar de si mismo.
Es tener coraje para oír un "no".
Es tener seguridad para recibir una crítica, aunque sea injusta.
Es besar a los hijos, mimar a los padres, tener momentos poéticos con los amigos, aunque ellos nos hieran.
Ser feliz es dejar vivir a la criatura libre, alegre y simple, que vive dentro de cada uno de nosotros.
Es tener madurez para decir 'me equivoqué'.
Es tener la osadía para decir 'perdóname'.
Es tener sensibilidad para expresar 'te necesito'.
Es tener capacidad de decir 'te amo'.
Que tu vida se vuelva un jardín de oportunidades para ser feliz...
Que en tus primaveras seas amante de la alegría.
Que en tus inviernos seas amigo de la sabiduría.
Y que cuando te equivoques en el camino, comiences todo de nuevo.
Pues así serás más apasionado por la vida.
Y descubrirás que ser feliz no es tener una vida perfecta.
Sino usar las lágrimas para regar la tolerancia.
Usar las pérdidas para refinar la paciencia.
Usar las fallas para esculpir la serenidad.
Usar el dolor para lapidar el placer.
Usar los obstáculos para abrir las ventanas de la inteligencia.
Jamás desistas....
Jamás desistas de las personas que amas.
Jamás desistas de ser feliz, pues la vida es un espectáculo imperdible!

Buondì!

Damn!
I forgot to wish you good morning!

giovedì 11 febbraio 2016

Domande facili... Ingredienti per la ricetta della felicità!

Buongiornooo!
Ieri ho iniziato a leggere un nuovo romanzo, volevo qualcosa di leggero, non molto impegnativo ma comunque piacevole, così ho optato per questo che si intitola  "Gli ingredienti della felicità" di Katy Cannon,  ambientato in Inghilterra...
Ora quindi vorrei farvi una domanda da un milione di dollari...
Secondo voi esiste la ricetta della felicità? Se si, quali sono gli ingredienti per questa tanto amata ricetta?
Io ho pensato a: famiglia e amici poi tenacia e un pizzico di fortuna... Voi che dite?

Aiutatemi a far conoscere la pagina Facebook di questo blog!

Cliccate sul link e mettete MI PIACE poi CONDIVIDETE! Grazie mille a chi vorrà aiutarmi! 


martedì 9 febbraio 2016

lunedì 8 febbraio 2016

Festival di Sanremo 2016 - Un po' di storia e qualche anticipazione dell'evento di quest'anno.

Il festival di Sanremo è una nota ed importante manifestazione canora che in Italia si ripete ogni anno nella città ligure da cui prende il nome, appunto,  Sanremo nota anche come "Città dei fiori".
La prima edizione del Festival risale al 1951, da allora viene sempre trasmesso in diretta dalla televisione italiana ed in Eurovisione, ha un grande seguito anche a livello internazionale, sino al 1976 si è svolto nel salone delle feste del Casinò, mentre dal 1977 ad oggi si svolge nel Teatro Ariston.



I brani che vengono proposti dai partecipanti devono essere composti da autori italiani ed in lingua italiana e mai eseguiti in pubblico, vengono premiati i tre brani più votati tra i "Big" e i "Giovani".
Il vincitore del Festival riceve in premio la statuetta del "Leone di Sanremo".



Ogni anno è consuetudine degli organizzatori invitare cantanti o artisti molto noti a livello nazionale ed internazionale. 
Quest'anno si terrà il 66° Festival della canzone italiana, avrà inizio il 9 febbraio e terminerà 13 febbraio con la proclamazione del vincitore; l'evento sarà presentato da Carlo Conti cui saranno affiancati: Gabriel Garko, Virginia Raffaele e Madalina Ghenea.



L'ospite di spicco della prima serata sarà sicuramente Elton John seguito da altri personaggi famosi: Maître Gims, Laura Pausini e il trio di attori comici Aldo,  Giovanni e Giacomo. 
Nelle seguenti serate vedremo tra gli ospiti: Eros Ramazzotti, la band "I Pooh", Elisa,  Renato Zero, Giuseppe Fiorello e Cristina D'Avena. 

 


Buon ascolto e buona visione a tutti!

domenica 7 febbraio 2016

sabato 6 febbraio 2016

Libertà, amore e cannella!

Sueño de ser libre.
Los libros son mis alas.
El amor es mi conquista.

La felicità!

La felicità è come gli occhiali, li cerchiamo e non ci accorgiamo di averli sul naso!

Goodnight and good start...

I don't wish you only goodnight...I'd like to wish you a good start...because now for dreamers starts the best of the night!

giovedì 4 febbraio 2016

mercoledì 3 febbraio 2016

Nule (SS) Sardegna - Italia



Bellissimo paesino della Sardegna rinomato per la creazione di tappeti eterni e  dai meravigliosi disegni e colori, il disegno tipico è detto SA FIAMMA, la lana con cui vengono prodotti viene tinta in modo assolutamente naturale usando fiori e radici di piante della zona, il risultato è un tappeto che è una gioia per gli occhi, per me ha un enorme potere ipnotico e rilassante...
Nei dintorni del paese sono presenti i famosi Nuraghi, costruzioni antiche di migliaia di anni.


Libri e felicità!

“Quando penso a tutti i libri che
mi restano ancora da leggere,
ho la certezza di essere ancora felice”.
(Jules Redard)

Felicità...

Se vuoi essere felice per un giorno dai una festa; per due settimane fai un viaggio; per un anno fai un giardino; per la vita trova uno scopo degno.

lunedì 1 febbraio 2016

Buonanotte ai miei followers!

Che la notte vi porti consiglio e il vostro angelo custode vi illumini la via per realizzare i vostri sogni...

Presentazione del libro Verso Sud scritto da Salvatore Taras e Antonio Muglia

Essendo la sottoscritta nata in Argentina e precisamente a Buenos Aires, grazie ai miei nonni materni che nel 1948 hanno avuto il coraggio di lasciare la loro famiglia di origine e la loro amata isola, non potevo trascurare questa nuova opera letteraria che mi tocca profondamente il cuore...

Il libro Verso Sud - storie di Sardegna in America Latina è stato presentato il 26 novembre 2015 a Sassari - Biblioteca comunale.

Da Monte Doglia alle Ande alla scoperta dei nuovi emigrati sardi
 
di Reporter SardegnaEventi24.it

Due giornalisti a caccia di emigrati sardi e un lungo viaggio “verso sud”, tra le coste incantevoli del Brasile, i quartieri sterminati attorno al Rio de La Plata e la sierra desertica del Perù. Un’avventura che ha portato due reporter sassaresi, Antonio Mugliae Salvatore Taras, a scorrazzare avanti e indietro per il Sudamerica, per scoprire la bandiera dei quattro mori sventolare nei luoghi più impensabili.

Sono un’infinità i sardi di vecchia e nuova generazione incontrati: docenti, manager, chef e impresari. C’è persino chi è diventato una star televisiva.

Ne è venuto fuori un libro con dieci storie sulla nuova emigrazione, “Verso Sud, Storie di Sardegna in America Latina” edito dalla Edes di Sassari, sviluppato dall’associazione culturale Andire grazie al finanziamento della Fondazione Banco di Sardegna, dell’Associazione sarda in Perù “Ulisse Usai” e del Circolo Sportivo Italiano di Lima. Un agile volume in stile reportage che racconta attraverso foto e articoli la vita di chi ha scelto di andare via dalla Sardegna, puntando la prua verso il Sudamerica.

Il progetto, che è patrocinato anche dai Circoli sardi del Brasile e dell’Argentina e dal Comune di Sassari, sarà presentato al pubblico giovedì 26 novembre a partire dalle 17 nella Biblioteca comunale di piazza Tola, a Sassari. Numerosi gli interventi in programma per la serata moderata dalla giornalista Antonella Brianda.

Dopo i saluti del sindaco Nicola Sanna e dell’assessora alle Politiche culturali Raffaella Sau, interverranno la professoressa Bianca Biagi, economista regionale del Dipartimento di scienze economiche e aziendali dell’Università di Sassari, che da sempre si occupa di sviluppo locale e migrazione interregionale, il poeta e docente sassarese Mario Lucio Marras e l’editore Alberto Pinna della Edes. Per l’occasione ritornerà in Sardegna il decano degli emigrati sassaresi in Brasile, Natalino Demontis, partito da “la ziddai” nel lontano 1955.

Verso Sud propone dieci storie comuni, in alcuni casi sorprendenti: giovani e meno giovani provenienti da tutta l’Isola come l’insegnante di Guasila, lo chef di Ballao, il comunicatore di Orroli, il manager di Alghero, il biologo marino di Cagliari. C’è anche Gianni Nuvoli, impresario sassarese tra i fondatori del Vecchio Mulino che ha messo radici a Rio de Janeiro. E infine, un’undicesima storia speciale, quella di Natalino Demontis – tradotta anche in vernacolo turritano – esempio significativo della precedente generazione di migranti. Tutti gli altri testi sono proposti bilingue in italiano e in sardo.

Il libro, che ha la prefazione di Nicola Sanna, anch’egli figlio di emigrati, affronta così un tema tanto spinoso quanto attuale. Solo nel 2014, a causa della cronica mancanza di lavoro – come ha evidenziato il rapporto della Fondazione Migrantes – sono partiti dall’Isola 2.447 persone. Un numero che manifesta un trend di crescita costante. Non tutti finiscono a Londra o in Germania. Per molti di loro l’America Latina appare un’opportunità interessante quanto colma di inquietudini, una realtà dove rinascere e farsi una nuova vita, ma sempre con la Sardegna nel cuore.